Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ogni riccio un capriccio!!!!
Ve lo sentivate che iniziavo così è? Ebbene ragazze, i detti sui capelli ricci sono tutti verissimi!  Altro che capriccio, ogni riccio è una dannazione…
Sono nata con i capelli proprio ricci a boccolo, fini e ovviamente tendenti al crespo. Da ragazzina (cioè più ragazzina di adesso per capirci!), li odiavo e ho fatto di tutto per cercare di non averli. La mia gioia più grande era quando mamma mi portava dal parrucchiere e mi faceva fare i capelli lisci!

Crescendo ho imparato ad amarli e anzi, mi sono strapentita di averli trattati troppo compreso la dipendenza da piastra, perchè il mio riccio ha perso tanto corpo e volume. Ma ultimamente vedo che sta recuperando terreno!
I consigli di questo post valgono in generale un po’ per tutti i capelli, soprattutto secchi e trattati. Siamo comunque nello specifico dei capelli ricci o molto mossi con forte tendenza al crespo.
Come per l’articolo sulle ciglia, in cui vi chiedevo come vi struccate, qui la domanda è: come ve li lavate sti poveri capelli?
Iniziamo con qualche consiglio sul lavaggio, che così a primo occhio potrà sembrarvi inutile o scontato, ma io nel tempo ho scoperto tante cose che non sapevo e le voglio condividere con voi. Poi passiamo all’asciugatura e alla cura nei giorni fra un lavaggio e l’altro. Oggi mi sento ordinata!!! 🙂 Ah! Nelle parole in rosso potete cliccare per andare agli articoli o ai siti dei prodotti!

1. Come primo punto iniziamo col dire che i capelli non si lavano ASSOLUTAMENTE tutti i giorni! I parrucchieri dicono che la cosa migliore sarebbe lavarli una volta a settimana, mi sembra pochino. Impossibile per chi, come me, abita in una grande città o anche per chi va in motorino o va in palestra. Diciamo però ragazze che lavare i capelli frequentemente li sfibra e li fa cadere maggiormente perchè li tenete tanto a mollo e utilizzate più spesso phon o peggio la piastra. Diciamo che ogni 4 massimo 5 giorni sarebbe l’ideale. Oggi esiste lo shampoo secco in una formulazione migliore, io ne ho trovato uno buonissimo, se volete cliccate qui. Può essere un valido alleato del giorno prima in cui dovete proprio lavarli.

2.Parliamo un attimo della scelta dello shampoo. Capisco che il portafogli ha il suo peso, ma cercate di
non comprare i prodotti al supermercato. Preferite in assoluto la farmacia. Oggi alcune parafarmacie vi fidelizzano dandovi una tessera sulla quale accumulate euro di sconto sui successivi acquisti, una mano santa! Nel caso in cui non siate così fortunate, comunque cercate anche in profumeria o dai rivenditori di prodotti per parrucchiere, shampoo che non abbia sali e solfati. Sono molto aggressivi, specie per la cute. Questo significa meno respiro, più sebo e mano capelli. Personalmente mi sono trovata benissimo con i prodotti Ducray e ora a La Gardenia ho trovato uno shampoo con un in inci splendido della Organicland. Anche all’Oviesse c’è una linea senza schifezze, la Hto Lab. Per il momento ho preso la maschera ma comunque dopo vi metto una foto, così vedete. Ok, stiamo per andare sotto la doccia, prima però pettinate i capelli per togliere il grosso dei nodi, sotto la doccia da bagnati sono più fragili. Chi ha i capelli ricci sa che razza di cespugli si formino, io salvo il salvabile passando ogni tanto le mani fra i capelli nelle lunghezze, così da “pettinarli” senza strapparli o rovinare i riccioli.


3. Ok, siamo sotto la doccia! Lo sapevate che
lo shamppo va diluito nell’acqua? La prima cosa da fare per non aggredire troppo cute e capelli e anche risparmiare shampoo inutilmente è metterne una quantità non eccessiva (tipo due noci) dentro ad una bottiglietta, aggiungere acqua, agitare ed utilizzare nei due shampoo. Potete utilizzare i contenitori per bagaglio a mano da aereo.

4. Fate sempre due shampoo, il primo elimina il primo strato di sporco e i prodotti che avete messo sui capelli nei giorni fra un lavaggio e l’altro. Il secondo termina a fondo la pulizia e va a trattare i capelli a seconda della formulazione che avete scelto. Mi raccomando non grattatevi la testa con le unghiette, ma massaggiate la cute con i polpastrelli in modo abbastanza energico per attivare bene la circolazione!

5. Terminato il lavaggio togliete l’eccesso di acqua con le mani e poi
tamponate con un asciugamano in modo che i capelli non gocciolino. In questo modo sono più pronti ad assorbire il trattamento nutritivo, invece di far scivolare via la maschera sull’acqua che ricopre i capelli. Io non uso il balsamo. Scegliete un trattamento nutritivo, i capelli ricci hanno bisogno di nutrimento soprattutto per eliminare l’effetto crespo! Stendete il prodotto in una giusta quantità, se eccedete i capelli saranno pesanti e avranno poco volume. Io ogni tanto ci rinuncio e ne metto un po’ di più per fare una sorta di impacco. Evitate di mettere il prodtto sulla cute, sennò dovrete lavarvi i capelli dopo due giorni. Passate solo le mani “sporche” di poco prodotto come se vi accarezzaste i capelli. Ora procedete a pettinare, facendo movimenti delicati, non tirate e utilizzate un pettine di legno oppure la favolosa Tangle Teezer  che potete trovare sul sito BBcreamitalia. E’ una spazzola strepitosa, con stole di due lunghezze in plastica molto flessibile così che non aggredisce i capelli, non li strappa e quindi si spezzano molto meno! ve la straconsiglio!

6. Ok, ora avete i capelli con su la maschera. Prendete una pinza e puntateli sulla nuca. Ora procedete con lo scrub per il corpo o con i trattamenti che vi piacciono. Mentre voi vi lavate, la maschera agisce! Cercate di lasciarla su per almeno 5 minuti. vedrete che quando andate a sciacquare i capelli saranno morbidissimi!

7. A questo punto strizzate un pochino per togliere l’eccesso d’acqua e tamponate nuovate i capelli. Non li strofinate MAI! Soprattutte le punte, le stressate e rischiate di spezzarle o peggio aprirle, le doppie punte no dopo tutta la fatica che fate!

8. Fatto questo io metto un prodotto nutriente, che ripara le doppie punte, rinforza e soprattutto protegge dal calore del phon. Il migliore in assoluto mai provato è quello di cui vi parlo sempre qui, Unique One. Mai provato un prodotto del genere! Dopo aver messo l’Unique One metto un prodotto che definisce i ricci. Evitate ASSOLUTAMENTE le spume, sono piene di alcool, vi seccano e aggrediscono i capelli. Quindi saranno sempre più crespi! Meglio le creme, anche qui cercate qualcosa di poco aggressivo. Io ora ne uso una presa dal parrucchiere (che purtroppo non vi ho trovato su internet), ma ne esistono tante in commercio!

9. Utilizzate il phon con diffusore per evitare che fi si “rompano” i ricci e per aiutarli nella definizione. Il phon va usato ad una bassa temperatura, così non rovinate i capelli e soprattutt perchè troppo calore li secca ed ecco quel crespo stile pianta grassa! Utilizzate anche un po’ le mani, raccogliendoli dalle punte e stringendoli. Fatelo però quando non sono troppo bagnati, così sfrutterete meglio il calore accumulato dal capello per definirli. Io non li asciugo a testa in giù perchè si elettrizzano di più e ho notato che diventano maggiormente crespi sulla testa.

Ok, passiamo a qualche consiglio utile generale!
1. I prodotti si spruzzano da una distanza di circa 20 cm.
2. Per distribuirli dovreste pettinare ma così vi si rovinano i ricci. Io spruzzo direttamente sulle punte e massaggio con le mani. Per il resto delle lunghezze, spruzzo sulle mani, in modo da entrare con le dita in tutta la massa dei capelli e distribuire al meglio massaggiando.
3. Evitate la piastra, non dico come la pece, ma concedetevela il meno possibile! Sceglietela comunque con il rivestimento in ceramica e subito dopo applicate un piccola quantità di olio di Argan o di semi di lino sulle punte. Io uso anche la crema all’Aloe presa in erboristeria.

Cosa fare fra un lavaggio e l’altro?
1. Evitate di mettervi continuamente le mani fra i capelli, più che altro sulla cute. Li sporcherete molto più in fretta.
2. Non legatevi spesso i capelli. Se proprio dovete, fatello con una bandana o un foulard ( che è anche chic!) o comunque un elestico largo e morbido, sennò li spezzate e vi si sporcano anche di più.
3. Utilizzate il meno possibile cappelli e cerchietti. Levate ossigeno alla cute, in questo modo anche così si sporcano prima e soprattutto ve ne cadranno una quantità maggiore.
4. Dopo un paio di giorni dal lavaggio mettete un pochino di olio o crema all’aloe solo sulle punte, le nutrite e i capelli diventano meno secchi al tatto e alla vista.
5. Sapevate che esistono impacchi notturni? Io ne ho usato uno della kèrastase, ma ne trovate diversi in giro.
6. Occhio sempre al contenuto dei prodotti, cioè all’inci. Più è naturale, più non vi rovinate i capelli (ovvio, vale anche per la pelle!).
7. se volete fare uno di quei trattamenti alla cheratina, sappiate che ne sono usciti di nuovi che ci permettono di eliminare il crespo mantenendo i rici. Sono senza formaldeide!
8. Ho letto di questo consiglio! Se avete molto volume quando asciugate raccogliete i ricci in una retina come quella della nonna e procedete all’asciugatura!
9. Quando ho avuto i capelli rovinati ho preso dell’olio d’oliva, l’ho scaldato finchè diventasse caldo (non bollente!) e l’ho massaggiato sulle punte. Poi ho passato un po’ il phon a temperatura media per farlo penetrare meglio e l’ho lasciato in posa. Aiuta parecchio!
Bene ragazze, mi sembra di avervi detto tutto!
Vi ricordo sempre i riferimenti per tenerci in contatto, ne saremmo felici:
Qui a lato c’è il pulsantone per l’iscrizione al blog!
Facebook   https://www.facebook.com/zuccheroglitterechiccheria?ref=hl
Twitter       https://twitter.com/Alezuglichi
Instagram  http://instagram.com/zuglichi
Youtube     https://www.youtube.com/user/zuglichi/video
Vi mando un bacio e come sempre spero di esservi stata utile!
Alla prossima!

Annunci