Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Buongiorno fanciulle e perchè no fanciulli!
Se state leggendo questo articolo, anche voi avete un problema di cute grassa.
Vi dico subito, così magari ce la fate ad arrivare alla fine, che ho suddiviso l’articolo in codesto modo: possibili cause, i consigli sui prodotti, i consigli per il lavaggio, i consigli di asciugatura e i rimedi naturali.

Mi spiego subito: di mio avrei la pelle abbastanza secca, soprattutto sul corpo. Ma sono andata in un forte squilibrio a causa dello stress, che per altro deve avermi creato anche qualche problema ormonale.
Per fortuna la pelle del viso non ne ha risentito presentandomi il conto con brufoletti e roba varia, ma non è che il conto non ci fosse… anzi!

Praticamente ad un certo punto, verso ottobre ho cominciato a notare che il cuio capelluto si ingrassava facilmente, finchè la cosa è degenerata. Dovevo lavarmi i capelli un giorno si e uno no quasi!
E non solo, perdevo una marea di capelli. Ma a ciocche proprio!

Inizialmente ho pensato di stare male. Quando mi succedono cose strane la prima cosa che faccio è cercare di andare a ritroso e fare mente locale sulle abitudini in tutto.
Finchè dopo una serie di ricerche ho fatto i miei calcoli, e qui veniamo alle cause:
Ero stressata e questo mi aveva portato allo squilibrio
Sono intollerante al lattosio e mi sono ricordata che una ragazza con cui ho fatto amicizia (intollerante anche lei e che mi ha salvato le chiappe per la dieta) mi diceva di avere problemi col cuoio capelluto. Immagino ci sia qualche collegamento a causa della dieta, ma non ho approfondito (in quel momento mi è bastata la mazzata doppia).
I capelli li perdevo non per l’attività neuronale ( dovete sapere che sono un mezzo fottuto genietto ahahahah!) ma a causa di tutto quel sebo. I bulbi piliferi erano ostruiti e chiaramente privi di ossigeno. Ergo, stavo a rimanè pelata.
Chiaramente quello che mangiate e le abitudini di vita (uso del casco, mettere in continuazione le mani nei capelli, ormoni) influiscono tanto.

Era il caso di correre ai ripari e complici qualche consiglio quà e là, il rimedio è stato questo:
Per prima cosa sono corsa in farmacia a comprare uno shampoo secco che mi aiutasse a non dover lavare i capelli ogni due giorni (sennò davvero me dovevo fa la parrucca!). Ho comprato quello della Klorane per capelli grassi (ora l’ho cambiato con la versione normale. Attenzione che sulle punte secca a bestia!). Ha un pochino di siliconi ve lo dico subito, ma sono fra gli ultimi ingredienti.
fonte: il mo casetto dei prodotti.
Questo è quello per cute grassa (io l’ho finito e buttato). E’ all’ortica.

Poi sono andata in erboristeria e mi sono fatta consigliare dalla ragazza uno shampoo, e devo dire che mi ha aiutata parecchio.

In generale comunque va comprato uno shampoo delicato e con zero schifezze (sali, solfati, forma aldeide, paraffina), sennò aggredite troppo la cute. Il mio dramma era infatti che ne usavo già uno così, e in generale avevo buone abitudini ma andavo necessariamente riviste quindi ho cambiato nel lavaggio e nell’ asciugatura. Lotta dura senza paura!

Quindi considerato questo ragazzi, dovete non soltanto cambiare shampoo ma anche le abitudini sennò farete troppo poco!
Lo shampoo va diluito sempre con un pochino d’acqua nel palmo della mano.
Massaggiate delicatamente altrimenti la cute si sente aggredite e produce sebo. Con i polpastrelli, non si gratta con le unghie. Sennò lavate e si riproduce il sebo mentre lavate.
I massaggi devono essere circolari per favorire l’ossigenazione e non lo fate per troppo tempo sennò vedi sopra. L’importante è pentrare bene nella massa dei capelli, dovete pulire a fondo. Porvaaaaaate a fischiettar, cantava Biancaneve sfruttratrice di animali!
Fate due shampoo: il primo inizia il lavaggio, il secondo finisce e fa permette ai pricnipi attivi di penetrare e fare il loro lavoro (un po’ come detergente e tonico per la pulizia del viso).
Non pettinate i capelli, magari fatelo prima di entrare in doccia o di lavare e in quel caso utilizzate le dita facendo piano. Mi raccomando di tenere SEMPRE ben pulita la spazzola. Se avete la Tangle Teezer è più facile, così la lavate con uno spazzolino vecchio e via.
Il balsamo (o la maschera) si fa assolutamente SOLO SULLE LUNGHEZZE. Se disgraziatamente vi arriva anche solo un pochino di balsamo sulla cute è finita.

Veniamo all’asciugatura:
Il prodotto che mettete per proteggere le punte o nutrirle (ahimè io oltre al cervello e alla pelle del viso c’ho pure i capelli misti!), va messo RIGOROSAMENTE sollo sulle lunghezze. Se usate come me un prodotto spray e non avete i capelli lunghi come Rapunzel (caso in cui vi risulterebbe comunque complesso raggiungere la fine dei vostri capelli!) lo spruzzate sulle mani e lo massaggiate sulle punte così non rischiate che finisca sulla cute.
Usatene uno solo! Niente lacche, niente volumizzanti, niente spuma per caritàààààà è piena di alcool, niente bombe a mano e trick e track. UN PRODOTTO SOLO.
Phon a temperatura media e almeno a dieci centimetri dalla cute, sennò con troppo calore produce sebo.

Tra uno shampoo e l’altro ragazzi non pettinate troppo i capelli sennò il risultato è che spostiate il sebo sulle lunghezze. Combinate un pastrocchio!
Non mettetevi continuamente le mani fra i capelli.
Utilizzate invece lo shampoo secco solo sulla cute, lasciate agire cinque minuti, poi strofinate piano con un asciugamano e pettinate. Quello della Klorane è fantastico, garantisco!

Rimedi naturali!
Bicarbonato diluito nello shampoo. Andate in un negozio china e prendete i barattolini per imbarco a mano dei voli, ci mettete lo shampoo, un po’ d’acqua calda e il birconato. Shakerate e utilizzate.
Aceto: anche qui potreste aggiungerne qualche goccia nello shampoo ma l’odore non lo so… Fate ogni tanto un risciacquo con dito di aceto diluito in mezzo bicchiere di acqua tiepida, massaggiate e poi fate il secondo shampoo.
Limone, questo non puzza. E’ più facile.
Estratti di ortica, edera, ginepro e betulla. Quindi potete aggiungere qualche goccia (senza esagerare) di uno e due di questi allo shampoo o cercarne uno in erboristeria che li contenga.
Alternare i principi attivi è sempre cosa buona e giusta.

Come sempre spero di avervi aiutati, vi invito a lasciare un commento con le vostre impressioni o magari con quello che fate voi! Così possiamo condividere!
Iscrivitevi o seguiteci sui social, restiamo in contatto! Ne saremmo felici!
Facebook   https://www.facebook.com/zuccheroglitterechiccheria?ref=hl
Twitter       https://twitter.com/Alezuglichi
Instagram  http://instagram.com/zuglichi
Youtube     https://www.youtube.com/user/zuglichi/video
Per iscriversi al blog c’è il tasto qui a destra!

Un bacione a tutti e grazie per la visita! 🙂

Annunci